Una storia millenaria che l’ha vista incubatrice del mitico Regno di Axum, porta di accesso all’Islam nel Corno d’Africa e fulcro dell’epopea coloniale italiana in Abissinia può essere spazzata via da quarant’anni di feroce guerra con l’Etiopia? La risposta per l’Eritrea è no, ma questo solo grazie al carattere fiero e mai domo delle sue genti. Di certo il fascino art nouveau e razionalista di Asmara è ancora tangibile, come i lasciti del porto secolare di Massaua e li reef lagramente sconosciuti delle incontaminate Dahlak ma miseria e arretratezza sono tangibili.  Insomma siete pronti a un viaggio in una terra estrema e completamente fuori mano??

 

 

Vai all’itinerario: ⇒ ⇒ ⇒ ⇒    ERITREA

 

 

Luoghi di interesse:

 

ASMARA: (città d’arte, monasteri, mercati tropicali, architetture novecentesche, atmosfere coloniali, bar e caffé, buona cucina)

MASSAUA: (città d’arte)

ARCIPELAGO DELLE DAHLAK: (ambiente incontaminato, siti subacquei, mare bello, comunità di pescatori)